Nuovo fermo produttivo per lo stabilimento automobilistico di Melfi: il gruppo Stellantis ha deciso di sospendere le attività fino al 10 maggio, attivando la cassa integrazione per i circa 7 mila lavoratori del sito industriale lucano.

I motivi. Lo stop, secondo quanto spiegato ai sindacati, è legato sostanzialmente a due motivi: il calo della domanda e soprattutto la carenza di semiconduttori. La crisi dei chip, in fase di peggioramento, stando anche agli ultimi allarmi lanciati dalla Volkswagen, sta penalizzando l’intero settore automobilistico: in Europa sono sempre più frequenti le sospensioni delle attività produttive e i costruttori sono condizionati da ritardi nelle forniture di componenti essenziali, quali i microcontrollori e i microprocessori. A Melfi, da inizio anno si tratta dell’ennesimo fermo delle attività per le catene di montaggio delle Jeep Compass e Renegade e della Fiat 500X