L’assemblea generale dello Stato di New York ha approvato a larga maggioranza il disegno di legge sul divieto alla vendita di veicoli con motore a combustione interna dopo il 2035. La norma, approvata dalla Camera con 110 voti favorevoli e 40 contrari, e dal Senato con 44 consensi e 18 voti contrari, sarà ora sottoposta al governatore Andrew Cuomo per la ratifica definitiva. 

A ruota di Washington. Negli Usa, quello di New York diventa così il secondo Stato ad approvare un bando alle endotermiche dopo Washington, che però ha anticipato l’addio ai motori tradizionali al 2030. Anche la California e il Massachusetts hanno avviato l’iter legislativo che intende imporre un analogo divieto nel 2035, ma per ora ci sono soltanto gli ordini esecutivi firmati dai rispettivi governatori, il democratico Gavin Newsom e il repubblicano Charlie Baker. Per quanto riguarda il divieto approvato dall’assemblea dello Stato di New York, quest’utlimo riguarda la vendita, e non la circolazione, di auto endotermiche, e allo stesso tempo non interessa i veicoli commerciali medi e pesanti, per i quali il traguardo delle emissioni zero è stato fissato per il 2045. Inoltre, in merito ai fuoristrada lo stop alle vendite è stato indicato ove possibile per il 2035. Dunque, le disposizioni lasciano spazio ad alcune deroghe, che però sono esplicitamente escluse per le “passenger car”.