Ormai siamo di fronte a una vera e propria gara a chi, tra i nostri lettori, macina più strada: dopo avervi raccontato l’esperienza del signor Giuseppe, che ha percorso mezzo milione di chilometri con una Opel Astra SW, ci ha scritto Franco Germani di Altopascio (LU) per dirci che la sua auto, un’altra Astra H, è vicina a toccare quota 600 mila.  

Motore Isuzu. Stessa vettura, dicevamo, ma motore diverso: se quella del precedente lettore adotta il noto 1.9 CDTI da 120 CV di origine Fiat, la wagon di Franco è spinta del 1.7 CDTI da 101 CV della famiglia Isuzu Circle L, molto apprezzato su questo modello, al pari dell’unità italiana. La giardinetta, immatricolata nel 2005, è stata acquistata dal lettore nel 2007, quando aveva già percorso 67 mila chilometri: tanti, per un’auto di soli due anni.

Grande cura. Da allora, per lavoro ed esigenze familiari, la tedesca ha toccato medie giornaliere di oltre 100 km, superando quota 580 mila. “Fatta eccezione per la sostituzione degli alternatori e il rimpiazzo delle componenti usurate, il motore non ha mai subito particolari interventi”, spiega Franco. “Sono stato a lungo uno specialista d’elicotteri, che controllavo prima e dopo ogni volo. Quest’abitudine mi ha portato a essere molto scrupoloso anche con la mia auto, regolarmente tagliandata presso l’officina Opel Cars Service di Stabbia Cerreto Guidi (FI), a cui va il mio ringraziamento per la professionalità”.

Cambiarla? No, grazie. Quando facciamo notare al lettore che ora potrebbe approfittare dell’Ecobonus per acquistare un’altra vettura rottamando la propria Astra, si dichiara non interessato: “Non saprei neanche che auto prendere perché è difficile per me trovare un’altra vettura così: ottima, spaziosa e il top per una famiglia”.