Si susseguono i rumors di un interessamento da parte di due colossi bancari europei, ovvero Santander e Société Générale – attraverso la sua società specializzata nel Nlt ALD Automotive – per Leaseplan, la società di noleggio a lungo termine olandese di proprietà di un pool di investitori e di fondi (tra cui quello delle pensioni olandesi, GIC Private Limited, TDR Capital e Luxinva S.A. della Abu Dhabi Investment Authority) che la rilevarono nel 2017 per 3,7 miliardi di euro, da un consorzio capitanato dal gruppo Volkswagen. Bloomberg ha riportato che l’affare per l’acquisizione del maggior operatore di noleggio a lungo termine al mondo potrebbe valere circa 8,3 miliardi di euro. 

Fioccano le smentite. Da parte di Santander Bank che, ricordiamo, è già molto attiva nel mondo del finanziamento e del noleggio auto operando per diverse case, arriva una secca smentita per bocca dell’amministratore delegato José Antonio Alvarez: “Siamo concentrati al 100% sulla nostra crescita organica. E, a parte un’operazione di crescita esterna, in Messico, non ci sono altri progetti di questo tipo sul tavolo del gruppo”, riprendendo le linee guida recentemente annunciate dal presidente Ana Botín. Da ALD, invece, nessun commento, anche se il business delle auto a noleggio, e della nuova mobilità, fa gola un po’ a tutti. Un’unione tra ALD e LeasePlan, ad esempio, farebbe nascere un colosso mondiale del settore, con oltre 3,5 milioni di veicoli gestiti in ben 50 paesi.