La Hyundai ha svelato nuovi dettagli sulla Staria, l’originale monovolume che presto sarà resa disponibile su alcuni mercati. Si tratta di un progetto pensato con nuovo approccio, disegnando la vettura dall’interno verso l’esterno e con uno spirito più lussuoso ed esclusivo rispetto agli standard del segmento.

Piglio futurista. Il centro stile della Hyundai ha disegnato la carrozzeria dando massima priorità alla luminosità degli interni. Per questo le superfici vetrate sono particolarmente grandi ed è stata anche abbassata la linea di cintura, ma allo stesso tempo l’impostazione da monovolume ha dato vita a un frontale molto originale e diverso dagli altri modelli del marchio. Oltre alla striscia Led orizzontale troviamo infatti una grande mascherina inferiore affiancata dai gruppi ottici verticali. La coda è invece più classica perché il taglio verticale, pensato per massimizzare lo spazio a bordo, ha imposto la presenza di gruppi ottici allungati che, su alcuni allestimenti, sfruttano la nuova tecnologia Parametric Pixel.  

Fino a 11 posti. L’abitacolo è pensato per offrire configurazioni a sette, nove oppure 11 posti con un massimo di quattro file di sedili. A dominare è il minimalismo, visto che la plancia è costituita sostanzialmente dallo schermo da 10,25 pollici dell’infotainment e da quello della strumentazione, mentre i comandi della trasmissione e delle funzionalità secondarie sono concentrati sotto all’infotainment. Tutte le soluzioni sono volte a liberare spazio per i passeggeri e non mancano funzioni tipiche delle monovolume come le porte posteriori scorrevoli e la possibilità di ruotare di 180 gradi i sedili della seconda fila per creare un vero e proprio salotto. La versione sette posti prevede sedute singole posteriori della seconda fila con regolazione elettrica e funzione One-Touch Relaxation: questo e altri accessori saranno probabilmente riservati ai modelli Premium, affiancati da allestimenti più semplici che consentiranno di posizionare il modello in diverse fasce di mercato.