Gordon Murray, famoso ingegnere inglese con un passato glorioso nella Formula 1, punta ad ampliare il raggio d’azione della sua attività imprenditoriale nel mondo dell’auto: non si limiterà a produrre supersportive, ma svilupperà anche veicoli elettrici. A tal fine il Gordon Murray Group ha varato un programma di espansione quinquennale, che prevede investimenti per 300 milioni di sterline (poco meno di 350 milioni di euro al cambio attuale).

Un futuro elettrico. “L’elettrico è ciò che ci mancava ed è lì che si trova il futuro”, ha affermato Murray alla Reuters per spiegare i progetti di diversificazione e crescita. La sua azienda ha in programma di lanciare l’anno prossimo la sua prima creatura. la T50, una supersportiva ispirata alla McLaren F1 e caratterizzata da un dodici cilindri di 4.0 litri da 650 cavalli e da alcune soluzioni legate al passato di Murray in Formula 1, come il ventilatore per l’aspirazione dell’aria dal fondo o le paratie mobili. Prodotta in edizione limitata (tutti i 100 esemplari sono già stati prenotati), sarà venduta a un prezzo di 2,4 milioni di sterline (2,8 milioni di euro) e sarà seguita nel giro di pochi anni da un altro modello sportivo con motore a combustione interna. Nel 2026 arriverà un’ibrida e quindi, tra il 2029 e il 2030, la prima supercar completamente elettrica.

Nuova piattaforma. Le supersportive serviranno a costruire il marchio nella fascia alta del mercato, ma l’azienda ha intenzione di realizzare anche auto leggere ed elettriche per segmenti inferiori. La Murray sta lavorando a una Suv e a un furgone per le consegne che intende offrire sia a produttori tradizionali sia a startup. Nei prossimi due anni saranno avviate le fasi di sviluppo su strada e di collaudo con l’obiettivo anche di verificare l’interesse di potenziali clienti. “Speriamo di raccogliere uno o due clienti lungo la strada. Non deve essere una casa automobilistica, può essere un ufficio postale o un’azienda come Amazon, ha spiegato Murray. Il perno dell’intero progetto sarà rappresentato da un’architettura per veicoli elettrici rivoluzionaria, leggera e ultra-efficiente già in fase di sviluppo. La nuova piattaforma, incentrata su una configurazione skateboard, è progettata per formare la base di un mezzo per il segmento B: sarà una piccola Suv, da cui sarà derivato il furgone per le consegne. Lunga meno di quattro metri, avrà alcune analogie con la microcar elettrica T27 sviluppata dieci anni fa.