Una seconda vita, ma con una nuova identità. Al Salone di Ginevra del 2011 la Fiat mostra per la prima volta al pubblico una nuova crossover, la Freemont, con sembianze già note ai clienti europei. Proprio così: lo stesso modello era infatti già stato venduto in Europa come Dodge Journey dal 2008 al 2010, ovvero fino all’anno dell’addio al Vecchio Continente del marchio a stelle e strisce. Al contrario della gemella e delle Lancia americane, presentate allo stesso Salone, l’italiana sarà tutt’altro che una meteora in Europa, riscuotendo un buon successo di vendite, almeno nel primo biennio.

Buoni risultati. Del resto, pur mantenendo pressoché la stessa linea, quest’auto a marchio Fiat si rivela frutto di un’azzeccata strategia commerciale, con listini piuttosto convenienti per una Suv dalle dimensioni medio-grandi, migliorie nell’assetto e nelle motorizzazioni, più adeguate all’Europa, ma anche nei materiali e nelle finiture, senza dimenticare la plancia, tutta nuova. Per questo, a dieci anni dal lancio della Fiat Freemont, uscita dai listini nel 2016, ne ripercorriamo la storia e le caratteristiche nella nostra galleria d’immagini.