Infrastrutture, aumento del fringe benefit e tempi di consegna. Tre temi caldi per le flotte, in particolare quelle premium, sollevati dai fleet manager che hanno seguito la terza edizione del F&B Digital Event e a cui risponde il direttore venite di Audi Italia, Vincenzo Vavalà. 

Per quanto riguarda il tema delle infrastrutture a supporto dei veicoli elettrici: case e noleggiatori cosa stanno facendo?
Il Gruppo VW e Audi stanno investendo in tutta Europa grazie a diverse partnership per la costruzione di infrastrutture tali da consentire la ricarica veloce. Per facilitare la vita di chi guida elettrico, Audi propone ai propri clienti un accesso semplificato a oltre 200.000 stazioni in 26 Paesi europei mediante il servizio di ricarica Audi e-tron charging service. A corrente alternata o a corrente continua, per un pieno d’energia è sufficiente un’unica scheda e un unico contratto ed è inoltre possibile accedere a condizioni agevolate (con riduzioni tariffarie sino al 60%) alla rete ad alta capacità Ionity. Nessun altro competitor premium può vantare un network di pari portata. In Italia, il servizio Audi e-tron Charging Service include oltre 10.000 stazioni di ricarica appartenenti a molteplici operatori, tra i quali Enel X, gestore del network più diffuso e capillare e la rete Ionity, attualmente forte di 16 punti attivi che vanno dal Brennero a Palermo. Inoltre Audi favorisce la ricarica domestica grazie alla partnership con Enel X e Alpiq. Nel primo caso, i Clienti delle Suv della gamma Audi e-tron possono accedere a un servizio di consulenza per l’aumento della potenza elettrica domestica e all’installazione della wall box di Enel X a condizioni agevolate. Nel secondo caso, all’installazione del sistema di ricarica Audi, si accompagnano due tariffe energetiche flat con prezzi inferiori alla media di mercato ed energia 100% sostenibile.

Pensate che la tassazione del fringe basato sulle emissioni di CO2 possa determinare un’inversione di tendenza rispetto alla preferenza verso le Suv a favore delle berline/station wagon? E Per le elettriche e plug-in si sta pensando a strumenti iso fuel card assegnate ai dipendenti per le auto a benzina e diesel?
L’attuale sistema di tassazione del Fringe Benefit potrebbe ridurre l’appeal delle Suv diesel, nonostante i test Wltp dei motori 6d, ma le Case, e in particolare Audi, offrono soluzioni alternative come il plug-in hybryd ed il Bev che non hanno questo handicap. Il livello dei servizi offerto dalle diverse leasing company si sta adeguando. Come Audi offriamo il sistema e-tron charging service caratterizzato dalla facilità: infatti non è necessario scaricare molteplici app, non servono password a profusione e l’utente non è costretto a portare con sé un chilo di tessere magnetiche, basta una sola card, valida in tutta Europa, e un unico contratto per accedere all’intera rete. All’estero, vengono applicate le tariffe locali, senza costi aggiuntivi.

I tempi di consegna sono destinati a restare molto lunghi?
La pandemia e quindi le diverse assenze per malattia sulle linee produttive, altri eventi avversi avvenuti nel mondo e la crescente problematica dei microchip, sta mettendo sotto enorme pressione tutta la supply chain e quindi i tempi di fornitura. La situazione non è chiara e una stima di quando si tornerà a tempi di consegna inferiori oggi non è possibile. In questo momento Audi ha tempi di consegna medi di 120-150 giorni con differenze tra le diverse car-line.