Nella seconda sessione di prove libere del GP del Portogallo, Lewis Hamilton ha ottenuto il giro più veloce della sessione, staccando di poco più di un decimo la Red Bull di Max Verstappen e di tre decimi l’altra W12 del compagno di squadra Valtteri Bottas.  A Portimao si profila la tanto attesa sfida tra la Mercedes e la Red Bull e nelle prove libere di oggi abbiamo avuto un antipasto di ciò che vedremo nel resto del weekend: distacchi serrati e pieno equilibrio per una lotta sul filo dei centesimi di secondo.

Passo avanti per la Rossa. Mentre i riflettori continuano a essere puntati sulle prime due squadre in classifica, dietro c’è la Rossa di Maranello che fa capolino. Per la Scuderia Ferrari il venerdì di Portimao è sicuramente positivo e non solo sotto il profilo cronometrico. Mentre Charles Leclerc ha chiuso con il settimo tempo, Carlos Sainz ha realizzato il quarto e ha dato ottimi feedback, specie sul nuovo diffusore posteriore provato dallo spagnolo nel pomeriggio. Questo aggiornamento, però, non sarà utilizzato nel weekend perché attualmente disponibile in una sola versione, ma pare sarà disponibile per entrambi i ferraristi già nella prossima gara in Spagna.

Si rivede Alonso. Su una pista particolarmente tecnica, dove il vento ha complicato la vita a tante persone, spunta tra i primi Fernando Alonso, autore di una bella prova a bordo della sua Alpine. Lo spagnolo ha chiuso con il quinto tempo, a meno di quattro decimi dalla vetta. Sparisce da quelle posizioni l’AlphaTauri, con Gasly undicesimo alla fine – in difficoltà nel gestire la AT02 con il vento portoghese e Tsunoda che continua il suo apprendistato di una pista per lui totalmente nuova. In salita anche la sessione di Sergio Perez che con la sua Red Bull non è andato oltre il decimo tempo.  Sessione complicata anche per le McLaren, con Ricciardo ottavo e Norris dodicesimo, davanti a un sorprendente George Russell che si conferma in piena forma. L’inglese ha tanta voglia di riscatto dopo il brutto incidente con Bottas di due settimane fa a Imola e già qui in Portogallo si gioca l’opportunità di potenziale ingresso in zona punti: per un team come la Williams, sarebbe vitale.

I risultati completi della sessione sul nostro Speciale F.1