Con la prima sessione di prove libere si è aperto ufficialmente il weekend del GP del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna, seconda prova del Mondiale di Formula 1 2021. Questa mattina, il più veloce sul circuito di Imola è stato Valtteri Bottas che ha portato la sua Mercedes in testa con un tempo di 1:16.564. Il finlandese ha preceduto la W12 del compagno di squadra Lewis Hamilton di appena 41 millesimi. Terzo Max Verstappen con la Red Bul, praticamente incollato ai suoi rivali, grazie a un tempo di 58 millesimi più lento rispetto al leader.

Sessione travagliata. La prima parte di queste prove del venerdì è stata caratterizzata da ben due interruzioni con bandiera rossa. Nella prima occasione, c’è stato un episodio poco chiaro che ha coinvolto la Red Bull di Perez e la Alpine di Ocon: le immagini televisive – oggi in affanno per problemi di natura tecnica del broadcaster – non hanno chiarito totalmente la dinamica dell’accaduto. L’unica cosa certa è che i detriti in pista erano tanti e la sessione è stata interrotta per consentire ai commissari di ripulire il tracciato. L’altro incidente che ha causato l’ultima interruzione porta invece la firma di Nikita Mazepin: il russo della Haas ha perso il controllo della vettura all’uscita dell’ultima curva, andando a sbattere contro le barriere che portano verso la pit-lane, esattamente nel punto dove era uscito di pista anche all’inizio della sessione. Con il cronometro che segnava pochi minuti alla fine, non è stato più possibile tornare in pista e i piloti hanno saltato così anche le tradizionali prove di partenza che si effettuano dal rettilineo principale a fine sessione.

Mercedes in forma. Le prime indicazioni di queste prove parlano di una Mercedes molto più competitiva rispetto a quanto visto in Bahrain, anche grazie al passo avanti fatto dalla W12 con le modifiche al diffusore. Tuttavia, i distacchi per il momento sono molto serrati: basti pensare che ci sono tre decimi a racchiudere i primi sei classificati oggi. La Scuderia Ferrari inizia con il piede giusto, con il quarto tempo di Charles Leclerc a due decimi dalla vetta. Il monegasco è rimasto molto tempo ai box per un problema tecnico, poi risolto, mentre Carlos Sainz ha avuto l’occasione di girare con il nuovo fondo e ha chiuso in sesta posizione. Tra i due ferraristi troviamo Pierre Gasly con l’AlphaTauri AT02.

I risultati completi sul nostro Speciale F.1