Oggi la sigla C5 è sinonimo di Suv grazie alla Aircross, ma presto la Citroën potrebbe tornare a utilizzare questo nome anche per un’ammiraglia. La nuova quattro porte è attesa per il 2022 e con tutta probabilità sarà basata sulla piattaforma Emp2: se così fosse, anche la meccanica potrebbe essere identica a quella della sport utility, con una particolare attenzione riservata alle versioni plug-in hybrid.

La C5 diventa una crossover. Le prime due generazioni della C5, prodotte tra il 2000 e il 2017, erano proposte in versione berlina e wagon, ma per il futuro la Citroën ha immaginato una formula diversa, che potrebbe strizzare l’occhio al mondo delle crossover. Il prototipo immortalato in queste foto spia è caratterizzato dai tratti tipici che accomunano le vetture a ruote alte: passo lungo, assetto rialzato, parafanghi sagomati e protezioni di plastica grezza sulle minigonne. Al posteriore è presente un grande portellone pensato per garantire la massima praticità, mentre sotto alle pellicole si nota anche qualche dettaglio dei gruppi ottici, con un motivo geometrico posteriore ed elementi Led su due livelli nel frontale che richiamano la recente C4. Le proporzioni fanno pensare a una lunghezza superiore rispetto ai 4,5 metri della C5 Aircross: del resto, sulla piattaforma Emp2 è già stata sviluppata l’ammiraglia DS 9, lunga quasi cinque metri.