In occasione del Power Day, il gruppo Volkswagen ha confermato il ruolo centrale che la Porsche rivestirà dal punto di vista della ricerca per l’intera galassia dei marchi di Wolfsburg. La Casa di Zuffenhausen, in particolare, investirà sulle prestazioni e sulle tecnologie più avanzate per l’elettrico: la soluzione scelta sono gli accumulatori ad alta densità con anodo di silicio, che debutteranno nelle competizioni e sui modelli a tiratura limitata. La produzione di queste batterie, che dovranno poter lavorare ad altre temperature (oltre 75 gradi) senza compromettere le prestazioni, avverrà in Europa. In Porsche, il transfer tecnologico dalle corse alla strada è già avvenuto con la 919, che da Le Mans ha portato il sistema a 800 Volt sulla Taycan di serie.

Una rete europea di “lounge” per il rifornimento. La Casa tedesca intende anche realizzare un sistema proprietario per la ricarica che affiancherà la rete Ionity. La Porsche vuole infatti creare degli spazi dedicati ai propri clienti, con un numero variabile da sei a 12 punti di ricarica a 350 kW disponibili, dando vita a vere e proprie “lounge”, con accesso ai servizi gestito da smartphone, lungo le più importanti direttrici europee.